Stampa

PSR 2007-2013, le speranze disattese dei giovani agricoltori


Un incontro organizzato dalla cooperativa Earth Link Project con la Cia Lazio, alla presenza di numerosi giovani imprenditori agricoli il direttore della Cia Lazio Alessandro Salvadori e il presidente della Cia Latina Argeo Perfili.

 PSR, “aiuto” o “condanna”? A primo impatto sembrerebbe una domanda “scomoda”,  ma rappresenta invece una cruda realtà. Non si sta giocando a “sinonimi e contrari”, questa critica racchiude la situazione di centinaia di giovani agricoltori che, fidandosi di quello che fino alle recenti problematiche si era mostrato come un aiuto prezioso, si trovano, oggi, ad affrontare difficoltà di proporzioni drastiche.

Le conseguenze del PSR 2007-2013, che sono note a tutti, hanno portato molti degli agricoltori del Lazio, soprattutto quelli che avevano deciso di scommettere sulle proprie aziende, attuando in esse importanti interventi di ammodernamento, a trovarsi, oggi, ad affrontare problemi di difficile risoluzione. Proprio per questo, gli stessi coltivatori, specialmente quelli che “inaspettatamente” si erano visti inserire nell’elenco “B”, ovvero la lista delle “Domande di aiuto ammissibili ma non finanziabili per carenza di fondi”, hanno chiesto ai ragazzi della cooperativa Earth Link Project di provvedere alla realizzazione di un incontro per visionare nel dettaglio la questione e vedere se ci potessero essere degli spiragli all’orizzonte.

Il meeting organizzato da ELP e appoggiato dalla Confederazione Italiana Agricoltori ha avuto luogo lo scorso 30 maggio, nella sala congressi della cooperativa Mediana, a Terracina. Alla riunione, oltre ai diretti interessati, erano presenti anche il direttore della CIA Lazio Alessandro Salvadori e il presidente della CIA di Latina Argeo Perfili.

Entrambi oltre a confermare, purtroppo, la delicata situazione, hanno risposto a molte delle domande poste dai ragazzi, cercando di venirgli incontro e facendosi punto di sintesi tra loro e la Regione Lazio, iniziando col fissare, il prima possibile, un appuntamento con l’assessore all’Agricoltura, caccia e pesca Sonia Ricci per affrontare le problematiche esistenti e cercare di ottenere una soluzione efficace.

Durante l’incontro, quindi, non si sono definite precise linee d’azione ma proposte collettive che verranno portate con forza e convinzione sul tavolo dell’assessore, nella speranza che si tengano in considerazione e vengano attuate le dovute misure.