LOREDANA DE PETRIS

Inizia a fare politica negli anni ottanta in Democrazia Proletaria ed è attiva nel Movimento antinuclearista e ambientalista, ricoprendo il ruolo di responsabile organizzativa dei referendum contro il nucleare, la caccia e l'uso dei pesticidi in agricoltura. Nel 1989 è fra i fondatori della formazione politica Verdi Arcobaleno, che si fonde in seguito con la Federazione delle Liste Verdi; da questo matrimonio nasce la Federazione dei Verdi di cui la De Petris diventa Presidente del Consiglio Federale e Presidente Regionale Verdi-Lazio.

Sempre nel 1989 diventa consigliere comunale a Roma, carica riconfermata nel 1993; fra il 1990 e il 1993 è anche capogruppo del suo partito all'interno del consiglio. Nel 1995 è nominata Assessore alle Politiche Ambientali, ottenendo una riconferma nel 1997, con l'aggiunta delle deleghe alle politiche agricole, all'Ufficio Centopiazze e all'Ufficio prevenzione inquinamento atmosferico e protezione civile.

Nel 2001 viene eletta al Senato nelle file dell'Ulivo, aderendo al gruppo parlamentare dei Verdi - l'Unione e ricoprendone l'incarico di Segretario. Nella XIV Legislatura è membro delle commissioni permanenti al Senato per le Finanze e per l'Agricoltura, oltre che della commissione d'inchiesta sul ciclo dei rifiuti e consultiva sull'attuazione della riforma amministrativa.

Nel 2005 ha assunto l'incarico di Assessore all'Ambiente per la Provincia di Roma. Inoltre ha fatto parte del comitato promotore per il referendum sulla fecondazione assistita.

Nel 2006, candidatasi al Senato nella lista Insieme con l'Unione, lista comune tra i verdi e il Partito dei Comunisti Italiani, viene eletta nella regione Lazio e viene nominata segretario alla presidenza del Senato.

L'11 marzo 2007 è eletta presidente dei Verdi del Lazio.

Alle elezioni anticipate del 2008 si candida al Senato come capolista in Lazio con il cartello elettorale La Sinistra - l'Arcobaleno ma non viene eletta in quanto la lista non supera la soglia di sbarramento prevista dalla legge elettorale.

Nel 2009 è tra le più convinte esponenti dei Verdi nella creazione del cartello elettorale di Sinistra e Libertà. Dopo le Elezioni europee, quando la Federazione dei Verdi decide di abbandonare tale percorso e tornare un soggetto autonomo, eleggendo segretario Angelo Bonelli, la De Petris fonda l' Associazione Ecologisti, che presto aderisce a Sinistra Ecologia Libertà.

Pubblicato in Contributi


FRANCESCO RAPARELLI
è nato a Marino (Roma) poco più di trent’anni fa. Laureato in Filosofia politica presso l’Università «La Sapienza» di Roma, sta conseguendo un dottorato di ricerca presso il dipartimento di Filosofia dell’Università di Firenze.

Si occupa di tematiche di frontiera: dalla filosofia del linguaggio alla teoria della sovranità, dalla questione del soggetto nel pensiero politico moderno e contemporaneo alla trasformazione dei processi produttivi. Da sempre coinvolto nei movimenti studenteschi universitari, è parte dell’Onda, presso «La Sapienza».

Attivista dell’atelier autogestito Esc di Roma, fa parte della redazione della rivista Posse, del collettivo di ricerca UniNomade, della redazione dei progetti di comunicazione web UniRiot (www.uniriot.org) e Global (www.globalproject.info).

Pubblicato in Contributi

MICHELE STANCA

Nasce a Soleto (LE) il 22 maggio 1942 

Visiting scientist, con borsa di studio annuale CNR-NATO, del Plant Breeding Institute (P.B.I.), Cambridge (UK). Con una seconda borsa di studio, frequenta la “Summer School on Cereal Production” presso il Trinity College di Dublino (Irlanda). 

Direttore della Sezione di Fiorenzuola d’Arda dell’Istituto sperimentale per la Cerealicoltura (sino al marzo 2006). Responsabile della costruzione della nuova Sede e organizzatore dei moderni laboratori di breeding, fisiologia, alimenti funzionali e malto, fenotipizzazione, tracciabilità e sicurezza, genomica e proteomica.

Direttore del Centro di ricerca per la genomica e la postgenomica animale e vegetale di Fiorenzuola d’Arda (staff di 60 persone) e dell’Unità di ricerca per la genomica e postgenomica di Metaponto - Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione in Agricoltura (CRA) (sino al 31 maggio 2009). Il Centro di Fiorenzuola è stato classificato“ECCELLENTE” sulla base della valutazione del CRA per il 2008 e 200. 

Studia a livello genetico e fisiologico il fenomeno dell’allettamento e gli aspetti qualitativi (malto e alimenti funzionali) dell’orzo e promuove ricerche di genetica, fisiologia e biologia molecolare sull’adattamento delle piante all’ambiente.

Sviluppa programmi di miglioramento genetico convenzionale e molecolare (MAS) e focalizza la selezione sul concetto di potenzialità produttiva e stabilità della produzione. Risultati teorici – accumulo di fattori di trascrizione in genotipi superiori - e applicativi - rilascio di varietà moderne di successo – sono stati raggiunti nel recente passato. 

Costitutore di varietà di orzo di successo a livello nazionale ed internazionale.

Promotore di ricerche di genomica strutturale e funzionale, di proteomica e crop systems biology per l’identificazione e analisi della funzione di geni e proteine coinvolti nella espressione di caratteri di rilevanza agronomica: qualità, resistenza a malattie e resistenza a stress abiotici.

Sviluppa un Piano nazionale di biotecnologie vegetali e coordina a livello nazionale ed internazionale progetti di ricerca di miglioramento genetico, di fisiologia e biotecnologie.

Cura una collezione di mutanti dello sviluppo di orzo e da questa continua a produrre doppi mutanti. Referee di lavori in riviste tecniche e scientifiche nazionali e internazionali. 

Membro della commissione per le Biotecnologie del MiPAF. 

Valutatore dei progetti di ricerca di genetica vegetale dell’Accademia delle Scienze del Governo Portoghese.

Revisore di progetti di ricerca nazionali ed internazionali di genetica agraria e membro di comitati di redazione di riviste scientifiche internazionali.

Revisore di progetti MIUR (PRIN). 

Presidente e membro di commissioni di concorso per collaboratore tecnico MIPAF, per l’abilitazione alla professione di agronomo, dottorato, per ricercatore, I° ricercatore, dirigente di ricerca e direttore di Istituti presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche.

Organizzatore di convegni internazionali di miglioramento genetico e biologia molecolare.

Invitato da accademie e istituzioni scientifiche nazionali e internazionali e organizzazioni professionali e culturali a tenere relazioni fondamentali in convegni e seminari di Genetica Agraria e Biotecnologie.

Membro della commissione MIPAF per la revisione dei metodi di analisi delle sementi

Membro della scuola di dottorato di “Biologia Vegetale”dell’Universita’ di Parma e dell’Universita’ di Modena e Reggio Emilia.

Invitato dal Governo della Corea del Nord a Pyongyang – nell’ambito di un progetto FAO – come docente di un corso di Plant Breeding, e per organizzare un modello pilota di Seed production.

Nell’ambito degli accordi CNR-Governo della Repubblica dell’Uzbekistan, compie una visita tecnico-scientifica presso l’Istituto di Cerealicoltura Uzbeco e l’Università di Samarcanda per organizzare un programma di miglioramento genetico dei cereali.

Su invito del governo della provincia di Xi’an, Cina, ha tenuto un corso di miglioramento genetico.

E’ stato docente presso l’Università di Milano, l’Università Cattolica S. Cuore di Piacenza e l’INAT di Tunisi

Ha attivato nel 2009 posizioni a t.d.(15) per borsisti, dottorandi, post doc e ricercatori.

Ha partecipato,su invito,a trasmissioni televisive sulle reti pubbliche e private per divulgare e discutere aspetti della genomica e biotecnologie delle piante.

E’ stato chiamato dalle Commissioni Parlamentari Agricoltura in audizione per definre le normative di legge sulle biotecnologie vegetali,lasciando memoria scritta.

Membro del Gruppo di Lavoro di Area (GLA Plants) FP7-Food, Agriculture & Fishers and Biotechnology.

Responsabile scientifico della challenge “Healthy Safe and Sufficient Food and Feed” nell’ambito della piattaforma” IT Plants for the Future”.

Membro del comitato “European Group on Barley Genetics and Physiology” della European Brewery Convention

Membro dell’International Barley Genetics Committee e del Consorzio Europeo “Barley Genome Network”.

Membro del Barley Working Group dell’European Cooperative Programme for Plant Genetic Resources

Coordinatore del gruppo CRA del Progetto Internazionala VIGNA

Coordinatore del Progetto “Sequenziamento genoma frumenti: Mappa fisica del Cromosoma 5A” nell’ambito dell’International Wheat Genome Sequencing Consortium.

Reviewer of the Field Crops Progam (FCP) dell’INSTITUT de RECERCA y TECNOLOGIA AGROALIMENTARIA del Governo Spagnolo(marzo 2010)

Invitato come docente di Genetica a tenere lezioni nell’ambito del progetto europeo”EU FP7 AGRISAFE presso l’istituto di Ricerca di Martonvasar dell’Accademia delle Scienze –Ungheria (aprile 2010)

Coordinatore(e relatore) di giornate di studio su Darwin presso diverse Istituzioni pubbliche nazionali in occasione del bicentenario della nascita(2009)

Attualmente è Professore a contratto di “Miglioramento genetico e OGM in agricoltura” presso l’Università di Modena e Reggio Emilia.

Docente dell’Advanced Course on Plant Breeding presso il CIHEAM di Saragoza.

Membro del Comitato dei Garanti per le Scienze Agrarie, Tecnologie Alimentari e Scienze Veterinarie del Consiglio Nazionale delle Ricerche ( CNR)

Autore di oltre 350 pubblicazioni su riviste scientifiche nazionali e internazionali, libri e capitoli di libri.

E’ stato Presidente della Sezione Cereali della European Association of Plant Breeding Research – EUCARPIA.

Socio Onorario –e’stato Consigliere, Vicepresidente, Presidente e Past President- della Società Italiana di Genetica Agraria (SIGA).

E’ stato Presidente e Past-President della Associazione Italiana delle Società Scientifiche Agrarie (AISSA)

E’ stato membro del Consiglio Direttivo della Federazione Italiana Scienze della Vita (FISV).

Presidente Onorario dell’Associazione Italiana Societa’ Scientifiche Agrarie ( AISSA)

Accademico dell’Accademia Nazionale di Agricoltura di Bologna.

Accademico, coordinatore del Comitato “Biologia Agraria” e membro del Consiglio Accademico dell’Accademia dei Georgofili di Firenze.

Pubblicato in Contributi

IGNAZIO MESSINA

Nato in una famiglia di giuristi, magistrati e docenti universitari, dopo la laurea con lode in Giurisprudenza, nel 1988 fonda un gruppo giovanile vicino alle posizioni dell'allora Sindaco di Palermo Leoluca Orlando. Nel 1991 è tra i fondatori de La Rete, movimento per il quale è candidato alle elezioni regionali in Sicilia e nel 1993 è eletto sindaco del Comune di Sciacca.

Nel 1997 si ripresenta alle elezioni comunali con una lista civica denominata "Lista Messina" e con l'appoggio di Rifondazione Comunista viene rieletto.

Nel 1998 aderisce all'Italia dei Valori di cui diviene portavoce regionale fino al 2003.

Nel 1999 il suo mandato da Sindaco viene interrotto da una mozione di sfiducia approvata dal Consiglio Comunale; in seguito a ciò Leoluca Orlando tiene un comizio a difesa di Messina ed accusa i consiglieri comunali della città di collusione con la mafia: per quella vicenda l'allora Sindaco di Palermo fu condannato, con sentenza definitiva, per diffamazione.

Alle elezioni politiche del 2001 Ignazio Messina è candidato alla Camera dei deputati nella Lista Di Pietro-Italia dei Valori nella circoscrizione Sicilia 1 in quota proporzionale ed anche nel collegio uninominale di Sciacca dove raccoglie 4.301 voti e non viene eletto. Nel 2002 si fa promotore di una iniziativa per istituire Sciacca come decima Provincia siciliana, ma la proposta finisce nel nulla.

Nel 2004 si ricandida come Sindaco del Comune di Sciacca, ripresentando la "Lista Messina" e con l'appoggio di Rifondazione Comunista e Verdi, ma non riesce a superare il primo turno. Eletto consigliere comunale, al ballottaggio fa apparentare la lista portante il suo nome con la coalizione di destra che sostiene il candidato Sindaco di Forza Italia ed è determinante per la sua vittoria, a scapito di tutto il resto del cartello di centrosinistra (compresi Verdi e Rifondazione Comunista, suoi alleati al primo turno). Messina diventa vicepresidente del Consiglio Comunale e sostiene la maggioranza per tutto il mandato.

Alle elezioni politiche del 2006 è candidato al Senato della Repubblica nelle liste bloccate dell'Italia dei Valori nella circoscrizione Sicilia e nella circoscrizione Veneto, come numero 2 dietro Franca Rame, non risultando però eletto.

Alle elezioni politiche del 2008 viene eletto alla Camera dei deputati nella lista dell'Italia dei Valori nella Circoscrizione Sicilia 1 e va a ricoprire il ruolo di responsabile nazionale degli enti locali dell'IdV. Nello stessa tornata elettorale è candidato alle elezioni regionali in Sicilia con la lista dell'Idv nel collegio di Agrigento, dove raccoglie 265 preferenze

 

Pubblicato in Contributi
Domenica, 06 Maggio 2012 08:27

Biodiversità e Bene comune

Biodiversità e Bene comune: la terra, il suolo, le acque rappresentano un patrimonio di tutti. Garantire risorse alimentari e produzione è un obiettivo necessario per la nostra società. Nel labile limes che intercorre tra queste due esigenze, il ruolo fondamentale è giocato dall’agricoltura e dell’im- prenditore che dev’essere in grado di produrre beni alimentari coniugando sicurezza alimentare, quantità e sal- vaguardia della tipicità dei sapori e delle tradizioni. L’agricoltura stessa può essere quindi intesa come un bene comune per la società fonte di ricchezza e di tutela ambientale.

Pubblicato in Voci