Stampa

Imu: Organizzazioni agricole, bene rispetto impegni tavolo fiscale ma non penalizzare le aziende montane

Coldiretti, Cia, Confagricoltura e Copagri, con una nota congiunta, esprimono soddisfazione per l'approvazione degli emendamenti al Decreto Legge fiscale n.16/2012 all’esame del Senato in cui, per quanto riguarda l’Imu, è stato confermato il percorso stabilito al tavolo fiscale ovvero che il gettito in agricoltura non debba superare per l'anno in corso un contributo aggiuntivo di 135 milioni di euro per i fabbricati rurali ad uso strumentale e di 89 milioni di euro per i terreni.


“Si convalidano così -commentano le Organizzazioni agricole- le tesi più volte sostenute al tavolo con il Governo circa l'eccesso del carico Imu richiesto al settore agricolo e vanno in direzione dell’equità fiscale”.

Coldiretti, Cia, Confagricoltura e Copagri chiedono invece che venga accantonato il comma 5 bis all'art.13 del Decreto Monti in cui si delega ad un apposito decreto ministeriale la rivisitazione delle aree montane e collinari i cui terreni sono esenti dall'Imu.

“In questo momento particolarmente difficile -dicono le quattro Confederazioni- non si può gravare con oneri aggiuntivi sulle aziende di queste zone che operano in situazioni di grandi difficoltà e sono un presidio indispensabile per la salvaguardia del territorio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna