Stampa

Un lessico come motore

presentazioneLa presentazione del progetto un “lessico comune per l’agricoltura” è risultato un importante start up per declinare un discorso articolato e trasversale sulla tematica agricola che veda come attori una pluralità di soggetti e di punti di vista.

L’appuntamento prologo del progetto editoriale promosso dalla Cia Lazio è andato ogni più rosea aspettativa non solo per il numero dei partecipanti e per la qualità dei contributi dei relatori, ma anche perché ha individuato, evidentemente, una traiettoria per condividere un progetto volto alla valorizzazione dell’agricoltura che metta in sinergia differenti e variegati soggetti.

La forza, la passione e la profondità tecnica ed analitica degli interventi trattati rappresenta uno stimolo ulteriore al lavoro messo in campo dalla Cia Lazio.

L’on. De Castro, l’on. Russo, gli assessori Birindelli e Lo Fazio, il prorettore Masi, i presidenti Politi e Salvadori, seppur da differenti prospettive hanno sottolineato come l’agricoltura sia passione ed economia, come questo settore rappresenti e debba sempre più essere un asse su cui investire per dare prospettive al nostro Paese.

Per far questo è necessario, come emerso dagli interventi dei relatori, che la tematica agricoltura sia argomento di interesse quotidiano non solo delle istituzioni ma anche di altri soggetti del mondo sociale, culturale ed economico.

Ma soprattutto, per far questo è importante che gli imprenditori agricoli abbiano reddito e potenzialità di crescita. Un punto di partenza per ottenere ciò è garantire l’imprenditore nella Pac che verrà. Quanto espresso dall’on. De Castro e dagli altri importanti ospiti fa ben sperare.

Allo stesso tempo l’iniziativa in fieri della Cia Lazio vuole rappresentare uno strumento ed un motore per immaginare, comprendere e disegnare una nuova ruralità.

Come ha sottolineato il presidente della Cia Lazio Alessandro Salvadori, ringraziando quanti hanno dato il loro contributo a questo progetto “l’appuntamento del 4 maggio ha rappresentato un importante passo in questa direzione”.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna