Stampa

Terre pubbliche ai giovani agricoltori, domani sit-in sotto il Ministero delle politiche agricole


Domani 12 luglio, con inizio alle ore 10, il coordinamento nazionale di Sinistra Ecologia e Libertà, con l’adesione di CIA Lazio, di AIAB, dell’ALPA-CGIL, dell’Associazione Internazionale CROCEVIA e del “Coordinamento romano terre pubbliche”, ha indetto un sit-in di protesta sotto la sede del Ministero delle politiche agricole, in via XX Settembre 20 a Roma.

Il 30 giugno scorso è scaduto il termine previsto dall’art.66 del decreto-legge n.1 del 2012 entro il quale il Ministero delle politiche agricole e il Ministero dell’economia dovevano approvare il primo decreto attuativo con l’elenco delle terre demaniali da assegnare ai giovani agricoltori. Dopo tre anni di promesse e gli annunci ripetuti da tre diversi ministri, ad oggi non un solo metro quadro di terra dei 380.000 ettari a vocazione agricola di proprietà dello Stato è uscito dai cassetti dell’Agenzia del Demanio.

A partire dalle ore 11 si svolgerà inoltre sotto la sede del Ministero un flash-mob: i giovani agricoltori delle cooperative costituite a Roma si travestiranno da vecchi, per evidenziare che l’Italia è il paese con i conduttori agricoli di età media più alta in Europa e che le promesse non mantenute sulle terre pubbliche contribuiscono a rallentare il ricambio generazionale in agricoltura.

“Chiediamo al Ministro – dichiara Loredana De Petris, responsabile agricoltura per il Coordinamento nazionale di SEL – l’immediata pubblicazione del primo decreto attuativo con l’elenco delle terre pubbliche da assegnare ai giovani. Intendiamo inoltre ribadire con forza che deve essere datapriorità all’assegnazione in affitto, come previsto dalla modifica alla legge introdotta alla Camera, e che deve essere diramata dal Ministero una circolare attuativa per le Regioni e i Comuni, detentori di gran parte del patrimonio pubblico a vocazione agricola”.

Intorno alle ore 12:30 una delegazione dei manifestanti sarà ricevuta dal Vice-Capo di Gabinetto del Ministro, Ernesto Carbone

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna