Stampa

Dimissioni Polverini. Cia Lazio: PRIMA DI TUTTO L'AGRICOLTURA

Le dimissioni della presidente Polverini e la caduta della Giunta Regionale pongono  ulteriori interrogativi  ed aprono potenziali scenari in un quadro politico già caratterizzato dalle elezioni politiche.

Il 2013 vedrà le urne come elemento caratterizzante, basti pensare che nella città di Roma si voterà per  rinnovare Comune, Provincia, Regione e Parlamento.

 

In questo quadro in cui progetti, programmi e promesse già si rincorrono in una spirale incandescente la Confederazione Italiana Agricoltori del Lazio pone come crocevia cardine per la riqualificazione economica e sociale del territorio laziale il rilancio del comparto agro-alimentare e della ruralità; prima di tutto l’agricoltura.

“Le dimissioni della Polverini – chiarisce il presidente della Cia Lazio  Alessandro Salvadorilasciano irrisolti tutti i grandi problemi della nostra agricoltura: la crisi del settore zootecnico, la mancanza di innovazione, il rilancio della coltivazione del kiwi, l’eccessivo peso burocratico per le aziende, la mancanza di ricambio generazionale, rappresentano alcuni dei gravi pesi che zavorrano il nostro settore e su cui non si è riuscito ad incidere in maniera sostanziale”.

A ciò  bisogna aggiungere la scarsa  informazione  di cui ha potuto usufruire il corpo sociale imprenditoriale a causa della inattività  per mancanza di fondi di normative volte a garantire informazione e divulgazione agricola.

Appare evidente, continua Salvadori, che la discontinuità deve essere l’elemento caratterizzante la nuova stagione politica; una discontinuità ed una progettazione che vedano l'agricoltura come opportunità di crescita e di sviluppo sociale, economica ed occupazionale. Il Lazio è una regione caratterizzata dalla presenza di Roma Capitale, elemento di forza per l'economia ma, allo stesso tempo, di indebolimento per il territorio:  ebbene per riequilibrare l'economia della nostra area e sviluppare una regione competitiva è necessaria una crescita economica qualificata e diversificata nelle zone rurali.  Ed in questo rilancio l’azienda agricola è e deve essere l’attore principale, poiché l’imprenditore agricolo rappresenta non solo un soggetto di crescita economica, ma anche il nodo in grado di interpretare e qualificare il rapporto tra attività dell’uomo ed ambiente, in un equilibrio fondamentale tra produttività e sostenibilità"

Commenti   

 
0 #1 BestAndrew 2018-11-13 22:27
I see you don't monetize your site, don't waste your traffic, you can earn additional cash every month.
You can use the best adsense alternative for any type of
website (they approve all websites), for more info simply search in gooogle: boorfe's
tips monetize your website
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna