Stampa

Prodotti tipici del Lazio in vetrina a Padova

Pecorino romano e mozzarella di bufala dop, olio extra vergine della Sabina e della Tuscia, vini dei Castelli romani e delle terre del Cesanese, e ancora le nocciole e le castagne viterbesi, i mieli, le olive di Gaeta. Sono solo alcune delle eccellenze della enogastronomia laziale che sono in vetrina in questi giorni a Padova. L'esposizione dei prodotti tipici e di qualità delle cinque province laziali è promossa dal consorzio “Aziende Aperte” della Cia - Confederazione italiana degli Agricoltori del Lazio ed è ospitata, a partire dall'8 novembre per quindici giorni, nel prestigioso spazio del mercato sotto il “Salone”, uno dei più antichi mercati coperti esistenti, presso il Palazzo della Ragione di Padova.
 

“Si tratta di un'importante occasione – ha detto Alessandro Salvadori, presidente della Cia del Lazio – per portare il meglio della nostra produzione su un mercato molto diverso per tradizione, storia e cultura da quello del Lazio”.

Ben 25 aziende agricole, a rappresentanza di tutti i territori delle province laziali, offriranno una vasta esposizione e degustazione dei propri prodotti facendo conoscere, allo stesso tempo, al vasto pubblico dei consumatori veneti i propri sistemi di coltivazione e le proprie tradizioni.

“Le aziende del Lazio presenti a Padova – ha aggiunto Salvadori - saranno ambasciatrici di una solida cultura e di una vasta tradizione. Puntare sulla loro valorizzazione e stimolare la commercializzazione dei prodotti è la strategia della Cia del Lazio. La distintività dei prodotti locali, basata sulla qualità e sul legame con i territori, rimane per la Cia l'elemento fondamentale per affrontare la sfida della competitività, la strada che vogliamo percorrere per accompagnare le imprese agricole all'interno dei mercati e migliorare il reddito degli agricoltori. Un percorso – ha concluso il presidente della Cia Lazio - che comprende anche il miglioramento della capacità organizzativa delle aziende e il loro rafforzamento nell'ambito della filiera agroalimentare”.

Commenti   

 
0 #1 BestGail 2018-11-03 09:46
I have noticed you don't monetize your site, don't waste your traffic, you can earn additional
cash every month. You can use the best adsense alternative for any type of
website (they approve all websites), for more info simply
search in gooogle: boorfe's tips monetize your website
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna