Accordo raggiunto sulla riforma PAC: dal 1° gennaio 2023 una nuova politica per gli Agricoltori

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Dopo mesi intensi di negoziati è stato raggiunto un accordo sul pacchetto di riforma della politica agricola comunitaria 2023-2027, approvato a livello politico dai Ministri dell’agricoltura europea al Consiglio Agri-Fish del 28 giugno. 

Gli agricoltori potranno contare su nuove norme che sicuramente porteranno verso un sistema produttivo ancora più sostenibile, non solo a livello ambientale ma anche sociale e si spera soprattutto economico. 

Tra il I e II pilastro circa il 60% delle risorse saranno dedicate ad una nuova architettura verde, agli eco-schemi dovranno essere destinate il 25% delle risorse del I pilastro; sarà inglobata nella PAC anche la dimensione sociale (volontaria dal 2023 e obbligatoria a partire dal 2025). Ci sarà anche maggiore attenzione alla gestione del rischio, soprattutto in risposta ai cambiamenti climatici e sarà riequilibrata la distribuzione dei pagamenti diretti. Sembra quindi che il compromesso raggiunto vada nella direzione richiesta, ma è ancora necessaria un’attenta analisi dei testi finali e un impegno importante per fare in modo che, attraverso la definizione del Piano strategico nazionale, l’applicazione delle norme si traduca in opportunità di sviluppo e non in maggiori vincoli. Serve, quindi, una politica nazionale all’altezza delle sfide del settore.

Ora l’iter legislativo dovrà proseguire con l’approvazione formale anche da parte del Parlamento europeo. Nel frattempo, i servizi delle Istituzioni lavoreranno alla stesura dei testi giuridici definitivi. 

La nuova PAC entrerà in vigore a partire dal 1^ gennaio 2023. Gli Stati membri dovranno presentare alla Commissione una prima proposta di Piano Strategico Nazionale entro dicembre 2021. I Piani dovranno essere definitivamente approvati entro il 2022.

Info Tesseramento