Stampa

DALL'EMERGENZA ALLO SVILUPPO

Operative le nuove misure straordinarie, approvate in Giunta il 28 marzo 2017, rivolte unicamente alle imprese dell’area del cratere con una dotazione complessiva di 11 milioni di euro, di cui 6 milioni di euro per sostenerne la liquidità e gli investimenti, e 5 milioni per operazioni di microcredito.

Tutti interventi rivolti alle PMI, ai titolari di partita IVA (in linea con le innovazioni di questi anni dalla Regione) e alle aziende agricole con sede operativa in uno dei 15 Comuni colpiti dal sisma. Nello specifico si tratta di tre interventi.

1) bando regionale da 2,5 milioni di euro, per contributi a fondo perduto per gli investimenti che copre l’80% delle spese sostenute fino a un massimo di 20.000 euro (15.000,00 € per le imprese agricole); le aziende interessate devono avere non oltre dieci occupati e un fatturato annuo non superiore ai 2 milioni di euro. Il bando sarà gestito tramite il nuovo sistema GeCoweb di Lazio Innova, in grado di rendere ancora più rapide e trasparenti le procedure di istruttoria e gestione degli interventi;

2) bando regionale da 3,5 milioni di euro per finanziamenti agevolati utili a sostenere la liquidità delle aziende, per un importo massimo di 10.000 euro, con tasso zero e durata fino a 48 mesi (incluso un preammortamento massimo di 12 mesi). Le imprese interessate devono essere già esistenti alla data del primo evento sismico (24 agosto 2016) e operative alla data di presentazione domanda; inoltre devono avere almeno uno degli ultimi due bilanci precedenti il sisma in utile (l’eventuale perdita non deve essere superiore al 10% del fatturato).

 3) bando da 5 milioni di euro per operazioni di microcredito (Fondo Futuro – Por Fse 2014-2020), per finanziamenti a tasso agevolato per imprese esistenti, nuovi progetti e nuove esperienze imprenditoriali. L’importo del progetto deve essere compreso tra 5.000 e 25.000,00 euro; il finanziamento è concesso con un tasso fisso dell’1% e una durata fino a 84 mesi (incluso un preammortamento massimo di 12 mesi). Il bando è rivolto a tutte le imprese dell’area del cratere esistenti o di nuova costituzione. I tre interventi qui richiamati sono cumulativi tra loro e devono essere letti in maniera integrata con le altre misure che il Governo nazionale sta prendendo per le aziende, incluse quelle di nuova costituzione.

TUTTE LE INFO AL SEGUENTE LINK: www.ricostruzionelazio.it 

Stampa

SVILUPPO LOCALE: FACCIAMO SISTEMA

A seguito della constatazione delle esigenze e desideri emersi da  più territori di avviare un percorso condiviso e sistemico sullo sviluppo rurale declinato in termini integrati e in base alle indicazioni del LEADER e Cork 2020 e come effetto delle indicazioni date da differenti realtà istituzionali, tra cui, in particolare, i primi firmatari l’On. Pastorelli e l’On. Zaccagnini, si è avviato un percorso di confronto e di analisi.

A tal proposito tutti i soggetti pubblici rappresentanti di interessi collettivi ed altri stakeholders territoriali ed istituzionali sono invitati :

  • a condividere, implementare e sottoscrivere il documento in allegato;

  • a partecipare all’evento di confronto aperto che si terrà il giorno Martedì 18 Aprile ore 10:00 presso la “Sala delle Regioni” in Via dei Frentani 4/A Roma

Al fine di avere in tempi utili il documento definitivo, vi preghiamo cortesemente di dare gentile riscontro entro lunedì 10 Aprile e vi ringraziamo per l’attenzione.

Grazie

CIA Lazio

Lettera aperta 2 cia lazio-1

Lettera aperta 2 cia lazio-2

Stampa

AVVISO PUBBLICO

AVVISO RIUNIONE PUBBLICA

PSR LAZIO - PIANO DI SVILUPPO RURALE 2014-2020 (Reg UE n. 1305/2013)

AVVISO PER PROGETTO DI FILIERA ORGANIZZATA

AI SENSI DELL’ART. 5 DEL BANDO PUBBLICO MISURA M16 SOTTOMISURA 16.10.1

Soggetto proponente (capofila della filiera): Badia dei Frati Società Cooperativa Agricola

 

Settori produttivi di interesse della filiera orizzontale (multifiliera): Ortofrutticola, Olivicola, zootecnia/lattiero/casearia, zootecnia/carne fresca e trasformata, vitivinicola, miele e prodotti dell’apiario, produzioni tradizionali, prodotti DOP/IGP/BIO.

 

Territorio di riferimento: Provincia di Frosinone, con distanza massima di 70 km tra il Comune dove l’impresa agricola ha la sede operativa e quello dove si realizza la vendita al consumatore finale.

 

Idee progettuali della filiera:

 

  • Migliorare la competitività dei produttori primari integrandoli meglio nella filiera agroalimentare attraverso i regimi di qualità, la creazione di un valore aggiunto per i prodotti agricoli, la promozione dei prodotti nei mercati locali e nella distribuzione organizzata, le filiere corte, le associazioni e organizzazioni di produttori e le organizzazioni interprofessionali;
  • Superare gli ostacoli a livello di impresa individuale con lo strumento della filiera organizzata;
  • Favorire la realizzazione di interventi nella produzione primaria, nella trasformazione e commercializzazione dei prodotti.

 

Modalità di adesione al progetto: Per aderire alla filiera bisogna far richiesta di ammissione nella qualità di socio al capofila “Badia dei Frati Soc. Coop. Agricola”, entro il 30/03/2017

 

Modalità di selezione dei partecipanti: sarà data precedenza ai partecipanti diretti (soggetti che hanno aderito ad almeno una delle misure/sottomisure del PSR 2014/2020 previste dal bando); ai soci che si impegnano a conferire almeno un prodotto aziendale per una quota del 61% alla “Badia dei frati Soc. Coop. Agricola”.

 

Opportunità offerte dal bando: Il sostegno concesso è pari al 100% delle spese sostenute.  Il costo massimo ammissibile è di € 100.000,00 a progetto e comunque non superiore a € 3.000,00 a soggetto partecipante diretto.

 

Per poter aderire al Progetto di Filiera sarà necessario sottoscrivere un Accordo di Filiera tra tutti i partecipanti per la gestione dei rapporti interni.

 

 Gli obbiettivi e il funzionamento del Progetto di Filiera saranno illustrati nelle riunioni pubbliche organizzate:

 

-        martedì 28 marzo alle ore 14:00 presso Confederazione Italiana Agricoltori di Roma sede Regionale Via Edoardo D’Onofrio n. 57, 00155 Roma.

 

-        mercoledì 29 marzo alle ore 09:00 presso Confederazione Italina Agricoltori di Frosinone, 03100 Via F. Brighindi n. 39.

 

-        giovedì 30 marzo alle ore 15:00 presso Confederazione Italina Agricoltori di Frosinone, 03100  Via F. Brighindi n. 39.