Prezzo del Latte: allarme tra gli allevatori, La CIA del Lazio chiede che la Regione costituisca subito un’unità di crisi

La cia del lazio chiede che si riunisca subito un tavolo per risolvere il problema dell’aumento delle materie prime ed energetiche che si riflette sui costi di produzione in maniera drammatica.

Questa situazione non è più sostenibile: a fronte di aumenti di oltre il 50% di ogni bene necessario alla produzione, il latte alla stalla non ha visto aumentare di un centesimo il proprio prezzo.

Le aziende chiuderanno e perderemo per sempre un patrimonio di qualità e di territorio inestimabile. Cosi Fabrizio Pini Presidente di Cia Lazio. Chiediamo – ha aggiunto- che la regione lazio si attivi subito con un tavolo a cui siedano anche i rappresentanti della grande distribuzione organizzata.

Fabrizio Pini Presidente di Cia lazio

A rischio chiusura il quasi il 60% delle imprese del settore latte con un indotto che coinvolge direttamente migliaia di famiglie nel Lazio. Le imprese finora hanno fatto da cuscinetto tra l’aumento dei prezzi mantenendo fissi i prezzi alla stalla: con una situazione di prezzi fermi a 20 anni fa, di fatto, l’agricoltura ha generato ricchezza solo per altri attori di filiera, mai per se stessa.

Info e News

Info Tesseramento 2022